Chiudi
Località Amerique 9, 11020 Quart (AO)
+393939486673
ancestraltattoobamboo@gmail.com
Tatau

Nel nostro immaginario il tatuaggio “fatto a mano” è quello eseguito con il “martelletto”. Ma la tecnica del tatuaggio eseguito a mano trova origine nelle tradizioni di antiche civiltà, molto lontane e molto diverse tra loro, che hanno tramandato usanze ancestrali che si fondano sulla ritualità e che portano profondi significati. 

La tecnica di esecuzione a mano più conosciuta è quella del tatuaggio polinesiano, come quella delle isole Samoa che risale addirittura ad alcuni secoli fa, quando i maestri del tatuaggio ornavano il corpo dei loro principi o re con disegni particolarissimi e unici nel loro genere, i tatau. 

Si  ritiene che l’origine del tatau samoano sia stata introdotta nelle isole Samoa da due donne delle Figi, sbarcate con gli strumenti e la conoscenza del tatuaggio. Il racconto proclamava che le due sorelle semidee cantavano una canzone, che diceva che solo le donne potevano essere tatuate, ma quando si avvicinarono alle rive della spiaggia, la canzone fu erroneamente invertita, indicando che solo gli uomini sarebbero stati tatuati. All’inizio nessuno era interessato alla loro arte e abilità. Era difficile convincere qualcuno a dare loro una possibilità. Ma alla fine uno dei capi samoani decise di dare l’opportunità a queste donne offrendosi per ottenere un  tatau . Ben presto l’arte del  tatau  divenne una tradizione di famiglia che si diffuse in tutta la cultura. 

Il tatuaggio veniva eseguito tramite i denti di un pettine in osso che, fermato all’estremità di una bacchetta (formando così uno strumento di forma simile a un rastrello), e battuto tramite un’altra bacchetta, forava la pelle introducendo il colore. Molti di questi strumenti erano realizzati con diverse dimensioni del pettine per eseguire linee piccole o spesse. L’inchiostro o pigmento utilizzato nei  rituali del  tatau era ricavato dalla noce della candela o dalla   noce del lama . Queste noci venivano poste su un fuoco caldo a bruciare e un guscio di noce di cocco era stato posto sopra raccogliendo la fuliggine che proveniva dalle noci che poi veniva mescolata con acqua zuccherata.

Questa Iniziazione viaggia attraverso 15 secoli, è un viaggio molto lungo, ma ha diffuso il tatuaggio in tutto l’arcipelago, ecco perché abbiamo accesso a tutti gli stili del Pacifico, che sono diversi. 

Il tatuatore samoano è conosciuto come il  Tafuga.  È responsabile dell’esecuzione del disegno e delle sessioni di tatuaggio. Tradizionalmente, solo i discendenti di un  Tafuga  possono continuare con la pratica del tatuaggio. Il padre trasmette le sue abilità e conoscenze per garantire che il  rituale del  tatau continui. 

Anche le donne di Samoa si tatuano. Il  malu  è un disegno più semplice e delicato di quello del  pe’a.  Questi tatuaggi si vedono raramente perché il disegno si estende dalla parte superiore delle cosce a sotto le ginocchia. Durante le danze cerimoniali samoane le donne esibivano il loro  malu  durante la tradizionale danza siva .

In qualche isola non c’erano questi attrezzi, alcuni usavano denti di squalo, ossa, o anche conchiglie, e siccome non potevano usare gli stessi attrezzi, gli stili cambiavano. Ecco perché abbiamo così tanti stili differenti in tutto il Pacifico.

I primi europei a mettere piede sul suolo samoano furono membri di una spedizione francese del 1787. Hanno dato un’occhiata più da vicino alla sabbia nativa e hanno riferito che “gli uomini hanno le cosce dipinte o tatuate in modo tale che si potrebbe pensare che siano vestiti, anche se sono quasi nudi”. Pe’a  è il tradizionale disegno del tatuaggio per uomo che si estende dalla vita al ginocchio. Il disegno è molto intricato con una serie di linee, curve, forme geometriche e motivi. Ogni sezione denota un significato speciale per il carattere della persona, la sua famiglia e la cultura.

Ottenere un  pe’a  è un’esperienza intensa e dolorosa rispetto ai tatuaggi realizzati con strumenti moderni. Non solo questi tatuaggi sono molto grandi, ma possono estendersi a parti molto sensibili del corpo. Gli uomini delle isole Samoa si sono fatti il ​​primo tatuaggio all’inizio della pubertà. Ci vogliono settimane o addirittura mesi per completare un   tatuaggio pe’a perché ci sono molte fasi del tatuaggio. Durante queste sessioni viene tatuata solo una sezione alla volta. Apprendisti tatuatori e aiutanti assistono il  Tafuga  asciugando il sangue. Le donne samoane si siedono e cantano canzoni per occupare e scoraggiare il dolore della persona che viene tatuata.

 Tra le varie civiltà polinesiane troviamo anche i tatuaggi Maori. Si tratta di simboli particolarmente legati alla cultura di appartenenza, disegnati per segnare il passaggio dell’individuo dall’età infantile a quella adulta, ma questi tattoo proseguivano fino al momento della morte.

Erano (e sono tuttora) di grandissime dimensioni, e anzi la loro grandezza doveva essere proporzionale al terrore che volevano incutere al nemico. A differenza di quello samoano, il momento del tatuaggio non era associato a rituali di canti e danze, e la tecnica era molto diversa, essendo i tattoo Maori effettuati con un ago molto spesso, simile ad uno scalpello (e utilizzato alla stessa maniera), per far penetrare l’inchiostro in profondità.

Altra categoria associata ai polinesiani, meno famosa di quella dei Maori, è quella dei tatuaggi hawaiani: non era un rituale sociale, ma un’espressione individuale del proprio io. Tutti hanno un grande elemento che li accomuna: il mare, essendo tutte delle isole.

A me piace pensare che anche oggi il tatuaggio può essere interpretato come il linguaggio dello spirito sul corpo.

credit photo: guardacome.com

Aggiungi Commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono segnati con *